Cresce la “nuvola” dei dati: il mercato vale 500 milioni

Pubblicato in: News il giorno: 16 dicembre 2014

Secondo i dati dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service promosso dal Politecnico di Milano, cresce la spesa delle aziende nel Cloud, cioè la nuvola dei dati. Nelle grandi imprese, se la spesa complessiva per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (Ict) cresce solo nel 13% dei casi, quella per la «nuvola» cresce nel 54% per il «public cloud», nel 50% per il «private». Il mercato oggi vale 493 milioni di euro, +11% rispetto al 2012.

Secondo l’Osservatorio, la spesa Cloud nelle grandi imprese cresce del 12% mentre nelle piccole e medie imprese la dinamica è più positiva, con una crescita rilevata del 16%. In valore assoluto la spesa nelle Pmi rimane però marginale rappresentando meno del 5% della spesa cloud complessiva, pari a 21 milioni di euro.

Nonostante la crescita, però, l’evoluzione della nuvola resta inferiore alle aspettative di analisti ed esperti: cresciamo l’8% in meno dei Paesi più evoluti, «ma la crescente pianificazione dell’uso dei dati sulla nuvola e il fermento nel mondo startup aprono la via a un percorso positivo di evoluzione».

Secondo Mariano Corso, Responsabile Scientifico dell'Osservatorio Cloud & ICT as a Service, «Il Cloud Computing rappresenta un modello che offre l’opportunità di recuperare produttività e creare le condizioni per lo sviluppo e l’innovazione, permettendo al tempo stesso di ridurre di costi, razionalizzare le infrastrutture e migliorare i tempi di risposta. Soprattutto l’ecosistema delle PMI e delle startup potrebbe trarne benefici enormi» (fonte Ansa).