Fascicolo sanitario elettronico, “pronti per l’uso a pieno regime”

Pubblicato in: News il giorno: 01 ottobre 2012

I ministri Filippo Patroni Griffi (Funzione Pubblica) e Francesco Profumo (Istruzione) hanno dichiarato di recente che siamo ormai prossimi all’uso a pieno regime del Fascicolo sanitario elettronico.Annunciando l’avvio di “sperimentazioni massicce” in Piemonte, Campania e Calabria, i rappresentanti del Governo hanno comunicato anche l’introduzione del documento elettronico unificato a partire dal 2013
 
I risparmi annui derivanti dall’introduzione su larga scala del fascicolo sanitario  elettronico, stando alle stime del Governo, dovrebbe oscillare tra i 3 e i 5 miliardi di euro. 600 milioni potranno essere recuperati dalla sola eliminazione delle ricette cartacee, mentre altri abbattimenti dei costi potranno essere definiti con maggiore precisione una volta avviata la sperimentazione nelle regioni coinvolte nel progetto.

I Ministri hanno aggiunto che le linee guida sul fascicolo elettronico sono già state messe a punto e ormai a disposizione delle Regioni incaricate attuarle.

E’ stato annunciato anche il varo del documento elettronico unificato, definito il “vero trait d’union fra la carta di identità e la tessera sanitaria”. Questa novità sarà introdotta nel corso del prossimo anno e nella news si descrivono anche gli obiettivi generali alla base del progetto:
“Obiettivo dichiarato da parte del Governo è quello di realizzare la Carta Nazionale dei Servizi (Cns) che valga come tessera di identità ma anche come piattaforma di accesso a tutti i servizi della pubblica amministrazione.”