Prescrizioni mediche e cartelle cliniche, entro il 2015 addio alla carta

Pubblicato in: News il giorno: 29 aprile 2013

Entro il 2015 per ritirare un medicinale in farmacia o sottoporsi a un esame diagnostico basterà presentare la propria tessera sanitaria a cui sarà associato un codice prestazione rilasciato dal proprio medico curante. Finisce quindi l’era delle ricette cartacee a favore di un'erogazione delle prestazioni sempre più digitale.
E' quanto previsto dall’articolo 13 del decreto legge n. 179/2012, approvato dal Consiglio dei Ministri, che prevede una graduale e progressiva dematerializzazione della ricetta cartacea.
Regioni e Province Autonome dovranno quindi provvedere alla graduale sostituzione delle prescrizioni mediche in formato cartaceo con le equivalenti in formato elettronico, in percentuali che non dovranno risultare inferiori al 60% nel 2013, all`80% nel 2014 e al 90% nel 2015. Le prescrizioni farmaceutiche digitali saranno valide su tutto il territorio a partire dal 1° gennaio 2014.
Il nuovo sistema consentirà inoltre di tenere strettamente monitorata la spesa in quanto i dati saranno raccolti nel sistema centrale del ministero della Salute.
L'articolo 12 del medesimo decreto legge stabilisce anche che, a partire dal 1° gennaio 2013, le cartelle cliniche dei pazienti possano essere conservate solo in formato digitale e, quindi, le Regioni e le Province Autonome devono prontamente istituire il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), ovvero la digitalizzazione dell’insieme dei dati e dei documenti di tipo sanitario e sociosanitario generati da eventi clinici presenti e trascorsi dei pazienti.