PCT e Digitalizzazione Documenti: al Via le Nuove Iniziative

Pubblicato in: News il giorno: 21 dicembre 2015

Il 30 giugno 2015 con l’entrata in vigore dell’obbligo di deposito telematico di tutti gli atti da parte delle Corti di appello si è concluso l’iter relativo al Processo Civile Telematico (PCT).

Secondo quanto riportato nel piano di Strategia per la Crescita, il promotore e coordinatore del progetto è il Ministero della Giustizia, che lo supporta anche attraverso il Tavolo Permanente per l’attuazione del Processo Civile Telematico. L’Agenzia per l’Italia Digitale e il Dipartimento della Funzione Pubblica, altresì, hanno sostenuto e finanziato il Piano straordinario per la digitalizzazione della Giustizia e ne coordinano il completamento dell’attuazione.

Il procedimento, partito ufficialmente il 30 giugno 2014, secondo quanto previsto dal decreto legge 24 giugno n.90, ha riguardato dapprima l’obbligo di digitalizzazione dei documenti e di deposito telematico di tutti gli atti e i provvedimenti del procedimento per decreto ingiuntivo e il deposito degli atti endoprocedimentali in tutte le procedure iniziate dal luglio 2014, e dal 31 dicembre si è esteso anche per le cause pendenti alla data del 30 giugno.

PCT e Digitalizzazione Documenti: Cosa Cambia

Adesso, quindi, per quanto riguarda gli obblighi per gli atti delle parti costituite e per i decreti ingiuntivi, la normativa prevede che le comunicazioni e le notificazioni delle cancellerie siano emanate solo tramite Posta elettronica certificata (Pec) e il deposito degli atti sia completato con la ricevuta di avvenuta consegna entro il giorno di scadenza per la presentazione, mentre, qualora sia necessario inviare più mail tramite Pec, conterà l’ultimo giorno per il rispetto dei tempi consentiti. Per quanto riguarda invece i verbali, le sentenze, gli atti introduttivi ancora l’utilizzo del processo telematico è facoltativo.

A seguito di questi interventi, nell’ultimo anno è stato depositato oltre un milione di atti dalle parti, quasi 1 milione e mezzo di provvedimenti da parte di magistrati, con una riduzione media delle tempistiche necessarie ad ottenere un decreto ingiuntivo del 50%. Inoltre sono le comunicazioni consegnate al mese sono state oltre un milione con un risparmio annuale stimato in più di 42 milioni di euro.

La diffusione del telematico è fortemente supportata anche da alcune azioni progettuali a carattere più spiccatamente organizzativo e da servizi a supporto.

Un’opportunità di verifica della gestione dei dati statici processuali arriverà con il completamento dell’esperienza del datawarehouse, già operativo nel settore civile e, a breve, in stato di definizione nel settore penale, che permetterà valutazioni anche di tipo proiettivo sull’andamento degli uffici e sull’attività svolta secondo determinatin parametri di efficacia.

Tra i servizi a supporto della nuova procedura spiccano i pagamenti telematici, la consultazione on line di dati e fascicoli tramite il portale http://pst.giustizia.it (anche da parte del cittadino) tramite un’applicazione per smartphone predisposta dal Ministero.

Per il futuro è in progetto la definitiva telematizzazione degli uffici del Giudice di Pace e UNEP.

Sei interessato ai processi di digitalizzazione documentale? Contattaci e scopri di più sui nostri Servizi di Gestione Documentale informatizzata!