Registro unico delle Fatture per le PA: facciamo chiarezza

Pubblicato in: News il giorno: 21 aprile 2015

Come previsto nel cosiddetto decreto Irpef (Decreto legislativo n. 66 del 2014, art. 42), a far data dal 1 luglio 2014, è stato introdotto il Registro unico delle fatture.
In questo registro dovranno essere annotate, entro 10 giorni dal ricevimento, le fatture o le richieste equivalenti di pagamento per somministrazioni, forniture e appalti e per obbligazioni relative a prestazioni professionali emesse nei confronti delle Pubbliche amministrazioni.

Il registro deve essere unico per tutto l’ente, non sono ammessi registri di settore.

Sempre dal 1 luglio 2014 è stato definitivamente introdotto l’obbligo di protocollazione e registrazione delle Fatture elettroniche ricevute dalle PA.

Pertanto viene confermata la centralità del Protocollo informatico come base della gestione documentale dell’ente e viene chiarito che il trasferimento delle fatture elettroniche in conservazione avverrà tramite il registro di protocollo informatico e non da altre basi di dati.