Ricette mediche, addio alla carta entro il 2015

Pubblicato in: News il giorno: 17 dicembre 2012

Entro il 2015, per ritirare un medicinale in farmacia o sottoporsi a un qualsiasi esame diagnostico in ambulatorio basterà presentare la tessera sanitaria con un codice inserito dal medico, corrispondente alla prestazione desiderata.
Nel decreto sull’agenda digitale approvato dal Consiglio dei Ministri due articoli riguardano la creazione del Fascicolo sanitario online che possiamo immaginare come un dossier sulla storia clinica del cittadino che conterà anche le prescrizioni utilizzate nel corso della vita. Al suo interno, un elemento fondamentale è la cartella clinica che, come stabilisce il nuovo decreto, dal 1 gennaio 2013 potrà essere conservata «anche solo in forma digitale» dalle strutture sanitarie pubbliche e private convenzionate.
Il tramonto della ricetta di carta avverrà per gradi, in quanto le Regioni dovranno provvedere alla graduale sostituzione delle prescrizioni con le equivalenti in formato elettronico in percentuali che non dovranno risultare inferiori al 60% nel 2013, all’80% nel 2014 e al 90% nel 2015.
Chi non rispetterà le scadenze e non abbandonerà la carta, andrà incontro a sanzioni pesanti, dal licenziamento allo stop della convenzione col servizio sanitario nazionale.