Fatturazione elettronica e digitalizzazione dei processi B2B: ecco tutti i numeri di un bilancio positivo

Pubblicato in: News il giorno: 06 Novembre 2019

Sono 854 milioni le fatture elettroniche scambiate nei primi 6 mesi dell’anno: oltre metà delle imprese ha dichiarato benefici sul processo di ricezione delle fatture e il 30% ha ottenuto dei miglioramenti anche in fase di invio. Nei dati dell’Osservatorio Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b si legge, inoltre, che le aziende che hanno una soluzione digitale a supporto dei propri processi aziendali sono in crescita del 15% rispetto al 2017.

Sono 854 milioni le fatture elettroniche rivolte a imprese (il 54%), PA (2%) e privati (44%) inviate dall’inizio dell’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica (precisamente fra l’1 gennaio e il 6 giorno 2019) da 3,2 milioni di partite IVA (il 64% delle imprese italiane, più dei 2,8 milioni di imprese soggette all’obbligo). Soltanto il 3% (25 milioni) delle fatture è stato scartato dal SdI. Quasi due terzi delle fatture inviate provengono dai settori del commercio all’ingrosso e al dettaglio (28%), utility (19%) e servizi (17%). Più della metà delle fatture è stato inviato da aziende con sede in Lombardia (34%) e nel Lazio (22%), solo il 12% viene dall’area Sud e Isole. Sono i dati resi noti ieri in occasione della presentazione dei risultati dell’Osservatorio Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b della School of Management del Politecnico di Milano.
“La fatturazione elettronica non è la trasposizione digitale di un documento o di una attività — ha però ricordato Alessandro Perego, Direttore Scientifico degli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano — ma un nuovo modello organizzativo che può costituire un fattore di innesco nella digitalizzazione dei principali processi tra aziende, tra aziende e Pubblica Amministrazione e nel dialogo con i cittadini e può quindi in ultima istanza aiutare il Paese a recuperare il divario che la separa dai principali paesi europei in termini di maturità digitale. L’Italia almeno su questo è all’avanguardia: primo Paese in Europa ad adottare l’obbligo generalizzato di fatturazione elettronica e leader nella digitalizzazione dei processi in molte filiere. Con specifico riferimento all’obbligo di fatturazione elettronica, molte più imprese di quelle sottoposte all’obbligo hanno deciso di aderire, a testimonianza di un giudizio di utilità che travalica l’obbligo normativo”.

Qual è stato l’impatto dell’e-fattura?

Il titolo del convegno in cui sono stati presentati i dati relativi al tema fatturazione elettronica 2019 e digital b2B è “Fatturazione Elettronica: un chance per il cambiamento“. In tale contesto è stato infatti ricordato che oltre metà delle imprese dichiara benefici sul processo di ricezione delle fatture e il 30% ha ottenuto dei miglioramenti anche in fase di invio. Fra le opportunità per le imprese emergono in particolare la possibilità di accedere a nuovi flussi di dati utilizzabili per migliorare i processi aziendali, digitalizzare altri documenti e dare impulso all’adozione di strumenti digitali nelle transazioni fra imprese.

L’introduzione della fatturazione elettronica ha avuto un forte impatto sull’operatività delle imprese, sia per il ciclo passivo sia per quello attivo. Secondo il campione – statisticamente significativo – coinvolto nell’indagine, i maggiori benefici hanno riguardato il processo di ricezione delle fatture, indicati da oltre metà delle imprese, come la maggiore velocità della registrazione delle fatture (indicato dal 33% delle grandi imprese e dal 31% delle PMI), la semplificazione della fase di verifica della fattura (21% del campione) e del processo di approvazione del pagamento (20% e 14%). Sul ciclo attivo i benefici riguardano la riduzione dei tempi di pagamento (19% e 14%) e la più rapida riconciliazione dei pagamenti (25% e 19%). Maggiori i benefici di coloro che hanno una dotazione tecnologica adeguata (per esempio ERP, software di Supply Chain Management o di amministrazione, finanza e controllo), percepiti da 56% delle aziende “digitali” contro il 51% di quelle non digitali”.

Non tutte le aziende hanno però avvertito dei benefici sui propri processi aziendali. A livello di ciclo passivo, poco più di un quarto delle imprese dichiara di non avere tratto alcun beneficio (21% delle grandi imprese e 32% delle PMI). Sul ciclo attivo, invece sono state soprattutto le PMI a non percepire alcun beneficio dalla fatturazione elettronica (43% contro il 27% delle grandi imprese). Purtroppo, c’è anche una quota di imprese che ha dichiarato un impatto negativo dalla fatturazione elettronica: appesantimento delle attività gestionali sul ciclo passivo (20% delle grandi aziende e 18% delle PMI), aumento dei tempi di pagamento (15% e 12%) e maggiore lentezza nella riconciliazione dei pagamenti (12% e 9%).

“Se è vero che sei mesi sono pochi per avere davvero percezione dei benefici a tutto tondo sugli impatti della fattura elettronica — ha commentato Claudio Rorato, direttore dell’Osservatorio Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b — non si può negare che in chiave prospettica si aprano ampie opportunità per le imprese. Dalla possibilità di operare su dati strutturati ed elaborabili del ciclo passivo, migliorando la gestione della tesoreria, il credit management e il controllo di gestione, alla digitalizzazione di processi documentali interni – per esempio il ciclo dell’ordine – aumentando l’efficienza aziendale e la sua competitività; dalla possibilità di ottenere più velocemente finanziamenti sulle fatture da parte di piattaforme dedicate alla supply chain finance al miglioramento dei rating sui fornitori, grazie a una maggiore integrazione dei dati del ciclo passivo con quelli delle fasi pre-negoziali. Ciò che mi preme sottolineare, è che non bisogna fermarsi all’adempimento normativo, ma guardare oltre”.
Le piccole e medie imprese hanno reagito all’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica cogliendone le opportunità, anche attraverso il ridisegno dei processi aziendali, oppure vivendo il cambiamento come mera imposizione normativa, limitandosi a conformarsi alle disposizioni di legge. L’Osservatorio ha indagato i principali fattori che scoraggiano le PMI a intraprendere un percorso di digitalizzazione e le leve che, al contrario, hanno spinto le PMI più digitali. Il primo scoglio è spesso legato alla mancanza di interesse, fiducia e cultura digitale dell’imprenditore: non riuscendo a percepirne i benefici, vede la digitalizzazione come una problematica in più da affrontare, sia in termini di competenze che di costi. Nelle PMI non digitali è evidente, inoltre, l’assenza di progettazione a lungo termine, alla quale si aggiungono la cronica mancanza di un presidio organizzativo e regolare sull’innovazione, che esuli da quella di prodotto, e la difficoltà a mettere in discussione processi lavorativi consolidati. Nelle PMI digitali, al contrario, l’imprenditore guarda positivamente al cambiamento, il continuo aggiornamento e il confronto con altre realtà permettono di percepire nuovi potenziali benefici per l’azienda e c’è una maggiore attenzione alla formazione.

Digitalizzazione dei processi e soluzioni per l’integrazione di filiera, ecco cosa stanno facendo le aziende

Nel 2018 l’eCommerce B2b fra imprese residenti sul territorio italiano ha raggiunto un valore di 360 miliardi di euro, in crescita del 7% rispetto all’anno precedente e dell’80% rispetto al 2012. Una cifra significativa, ma che rappresenta soltanto il 16% degli scambi complessivi fra le imprese italiane (2.200 miliardi), mentre appare maggiore l’incidenza dell’eCommerce B2b di aziende italiane verso imprese estere, pari a 132 miliardi (più del 26% del transato totale verso l’estero).

Più in generale, sono circa 150mila le imprese che nel 2018 hanno una soluzione digitale a supporto dei propri processi aziendali, con una crescita del 15% rispetto all’anno precedente e un aumento del 16% annuo dal 2012, quando le imprese che utilizzavano strumenti digitali erano 60mila.

Fra queste 16mila sono connesse tramite sistemi EDI (+23% rispetto al 2017) per scambiarsi i principali documenti del ciclo dell’ordine (ordine, conferma dell’ordine, avviso di spedizione e fattura). Più del 97% delle imprese connesse appartiene a cinque settori: automobilistico, elettrodomestici ed elettronica di consumo, farmaceutico, largo consumo e materiale elettrico. Il numero di documenti scambiati è cresciuto significativamente nell’ultimo anno, toccando quota 210 milioni, con un incremento del 27% sul 2017 e del 600% rispetto al 2009 (+24% la crescita media annua). Il documento più scambiato via EDI è la fattura, con 55 milioni di scambi nel 2018, pari al 26% del totale dei documenti transitati (+10%). Seguono l’ordine, col 15% del totale, l’avviso di spedizione, con 23 milioni e l’11% dei documenti scambiati (+10%), e le conferme d’ordine, che registrano la crescita più significativa, da 3,2 a 8 milioni di documenti (+150%, il 4% del totale). La crescita deriva dal fatto che le aziende più mature nell’utilizzo di questi strumenti digitali hanno intensificato le relazioni coprendo anche altri documenti del ciclo, tra cui quelli logistici, che crescono del 50%, passando da 62 a 93 milioni di unità.

In calo, invece, le Extranet attive nel 2018 che supportano lo scambio di documenti del ciclo transazionale (ordini, documenti di trasporto, fatture, informazioni amministrative), che passano da 470 a 372 unità (-21%). Il 16% supporta anche la fase pre-transazionale (eProcurement), l’8% abilita i progetti di eSupply Chain Collaboration, mentre solo il 3% delle Extranet copre tutte le fasi della relazione tra un cliente e un fornitore (eProcurement, eSupply Chain Execution e eSupply Chain Collaboration). Il settore con il più alto numero di Extranet è il metalmeccanico (13%), seguito dal largo consumo e tessile abbigliamento (9% rispettivamente), dall’automobilistico (8%), dalla logistica (6%), dalle utility (5%), dagli elettrodomestici ed elettronica di consumo (5%), dal farmaceutico (5%) e dal materiale elettrico (4%).

“La tendenza degli ultimi anni – ha affermato Riccardo Mangiaracina, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b – è di passare dall’Extranet, che tipicamente connette un singolo attore con i suoi partner di business (con i fornitori o con i clienti), a soluzioni di tipo “molti a molti”, che consentono di mettere in relazione un ampio numero di aziende interessate a sviluppare un determinato business e ad accedere a un insieme più ampio di clienti o fornitori. Oltre ai marketplace, un esempio sono le piattaforme cloud, ossia modelli Software as a Service (SaaS) in cui l’utente finale accede in modalità on demand a un’applicazione pronta all’uso, sostenendo costi in base all’effettivo utilizzo del servizio. Tali soluzioni sono in grado di supportare anche le fasi di eProcurement, eSupply Chain Execution ed eSupply Chain Collaboration”.

Negli ultimi anni sta crescendo la rilevanza dei marketplace anche nel segmento B2b. L’Osservatorio ne ha censiti 23, che permettono di vendere in Italia prodotti italiani e stranieri. Non tutte le piattaforme permettono di effettuare una transazione. Circa il 40% di esse, infatti, supporta attività di lead generation o funge da vetrina di prodotti (23%). Prevalgono i marketplace multi-settore (65% delle piattaforme censite), che offrono un’ampia varietà di prodotti, dall’alimentare all’elettronica di consumo, dall’abbigliamento al materiale elettrico. I marketplace sono in prevalenza americani (35%) o cinesi (18%), ma non mancano anche iniziative italiane, che hanno però caratteristiche molto diverse rispetto a quelle dei grandi operatori internazionali. L’Osservatorio ha identificato 7 piattaforme italiane B2b, di cui 2 permettono di completare l’acquisito direttamente sulla piattaforma, mentre gli altri 5 abilitano attività di lead generation o funzionano come vetrine con l’obiettivo di promuovere all’estero le eccellenze alimentari e tessili del Made in Italy.

Articolo preso da: www.zerounoweb.it