Dematerializzazione: priorità per le banche

Pubblicato in: News il giorno: 28 febbraio 2014

La dematerializzazione dei processi è tra le priorità d’investimento delle banche italiane. Lo rivela un’indagine di Abi Lab in cui viene fotografato lo stato delle banche italiane e dei progetti d’innovazione da queste avviate nell’ambito dell’efficienza interna e maggiore accessibilità dei servizi ai clienti.

L'ottava edizione del rapporto sui trend del mercato ICT per il settore bancario prevede che il 43% dei progetti e degli investimenti ICT ritenuti prioritari dalle banche italiane riguarderanno i processi interni e i canali di accesso ai servizi. Mentre sul fronte dei servizi ai clienti si investe sull’integrazione tra i canali, i servizi automatici, l’internet banking e i dispositivi mobili, sul fronte operativo l’obiettivo è la maggiore efficienza dei processi.
Secondo l’indagine di Abi questo obiettivo è ricercato attraverso progetti di dematerializzazione e semplificazione del back-office, che sono seguiti da compliance normativa (27%), telecomunicazioni (18%) e dai vari aspetti della security.

Secondo Abi Lab, in tema di dematerializzazione ha grande interesse lo sviluppo della firma digitale, in particolare nell’ambito dell’acquisizione grafometrica su sistemi bancari e tablet. Su un campione di 16 tra i maggiori istituti bancari risulta già disponibile per il 75% dei dipendenti e per il 50% dei clienti.
La firma grafometrica vede oggi il 56% degli istituti bancari in fase progettuale o pilota.

Clicca qui per scoprire il nostro Servizio di Firma Grafometrica e Firma remota

Per maggiori informazioni o per chiedere un incontro, potete chiamare il numero verde