Tokenizzare le opere d’arte grazie alla Blockchain

Pubblicato in: Approfondimenti il giorno: 26 Luglio 2019

“Una volta che si dispone di un sistema di conservazione dei dati globale e immutabile, un sistema di elaborazione delle transazioni e un ambiente informatico sicuro, è possibile ridefinire ogni aspetto della finanza, del diritto societario e commerciale, delle intermediazioni dei contratti, e di tutti i sistemi che utilizziamo nel processo decisionale (sia aziendale che civile)”.

Questo è quanto afferma Jeremy Allaire, cofondatore e CEO della società di pagamenti Circle, a proposito della blockchain e dei suoi innumerevoli campi di applicazione.

 

Tanto innumerevoli e ampi da comprendere anche, forse sembrerà strano a dirsi, il mercato delle opere d’arte…

 

Fino a ieri un quadro, una statua, un gioiello, non erano frazionabili, quindi il loro valore d’acquisto non era scorporabile.

 

Fino a ieri, appunto, perché la start-up singaporiana Maecenas sta perfezionando una piattaforma virtuale finalizzata all’investimento in opere d’arte tramite la blockchain, che consente, in buona sostanza, di tokenizzare un capolavoro artistico.

 

Poiché un token è un insieme di informazioni digitali all’interno di una blockchain che conferiscono un diritto di proprietà a un determinato soggetto, ne consegue che la tokenizzazione è la conversione dei diritti di un bene in un token digitale registrato su una blockchain, dove il bene reale e il token sono collegati da uno smart contract (contratto intelligente).

Tokenizzare significa quindi generare un token e collegarlo a un bene mediante questo tipo di contratto.

 

È praticamente quello che è accaduto qualche mese fa quando la suddetta azienda ha messo all’asta il quadro 14 Small Electric Chairs di Andy Warhol – opera del valore di oltre 5 milioni di dollari – che ha raccolto 1,7 milioni di dollari (il 31% dell’opera) da parte di 800 offerenti che sii sono quindi accaparrati “pezzetti” dell’opera sotto forma di certificati di proprietà digitale con caratteristiche di assoluta sicurezza.

 

Non male come forma di investimento, perché sicura in termini di tracciabilità e trasferibilità, democratica dal momento che ogni investitore gode degli stessi diritti e ogni titolo è fungibile allo stesso valore degli altri e con la stessa intercambiabilità, e perché fattibile anche con cifre non necessariamente elevate!

 

E l’ulteriore valore aggiunto è dato dalle possibilità non solo come investimento privato, ma addirittura come “investimento di Stato”.

Vale a dire: il nostro Paese occupa dal punto di vista del patrimonio artistico e culturale una posizione di assoluto vantaggio ed eccellenza: il turismo è il suo vero tesoro, con 40 milioni di presenze sul territorio nazionale nel 2017.

E allora perché non concentrare su questo aspetto il massimo delle risorse e degli sforzi? Perché non fare di questo vanto culturale anche uno strumento per smarcarsi dalla crisi che l’Italia sta vivendo?

Si potrebbe ad esempio immaginare che, in alternativa ai buoni del tesoro, si stabiliscano altre e diverse formule di finanziamento pubblico, proprio grazie alla tokenizzazione: emissioni di token a parziale investimento/vendita di segmenti scissi dei beni dello Stato trasformati in asset finanziari.

 

E si tratta di una delle molteplici ipotesi, dal momento che la tokenizzazione in qualunque altro settore della finanza, e non solo, provocherebbe una forte accelerazione economica e una nuova spinta propulsiva dei mercati: questa è la straordinaria rivoluzione della blockchain, che riscriverà il nostro prossimo futuro.

 

È questa la rivoluzione e la sfida che abbraccia anche Copying, quella di un mondo sempre più digitalizzato.

Tant’è che la sua sua Mission è quella di fornire competenze e tecnologie per supportare i propri clienti nella gestione documentale, affiancandoli nell’evoluzione dei processi, nel delicato passaggio dal trattamento cartaceo alla gestione dei documenti digitali.

I servizi di Gestione Documentale offerti comprendono:

  • Fatturazione elettronica
  • Digitalizzazione documenti
  • Firma grafometrica e firma elettronica avanzata (FEA)
  • Conservazione Digitale
  • Privacy e protezione dei dati
  • Gestione Infrastrutture IT